L'IMPORTANZA DI AVVALERSI DI UN CONSULENTE

Per il settore dei preziosi la tendenza comune, soprattutto in Italia, è quella di recarsi dal proprio gioielliere quando si vuole fare un acquisto importante. E spesso quest'ultimo possiede un enorme bagaglio di esperienza, che però potrebbe non bastare. Non tutti gli orafi e gioiellieri hanno intrapreso un percorso di studio mirato all'identificazione delle differenze tra materiale completamente naturale, sintetico o sottoposto a trattamenti. In più, spesso, l'utilizzo di un linguaggio "vago, non appropriato" può contribuire ad aumentare la confusione nel settore.

Ad esempio, lo sapevate che se parlo di "brillante" non intendo necessariamente diamante, ma qualunque gemma che abbia quel determinato stile di taglio. Anche un pezzo di vetro può essere tagliato con lo stile "a brillante", l'importante è sapere di che materiale si sta parlando.Una cosa molto importante sarebbe quella di avere accompagnato ad ogni gioiello o gemma il suo CERTIFICATO, che possa garantire l'autenticità delle pietre ed elencare i suoi eventuali TRATTAMENTI. 

Ai giorni d'oggi i trattamenti di miglioramento nelle gemme sono molto comuni; forse c'è la tendenza a pensare a questa parola in modo negativo perchè si crede che alteri sempre il loro aspetto naturale. In realtà non è sempre così. Basti pensare alla lana per esempio; è una pratica comune e necessaria quella di sottoporla a vari passaggi compresa la colorazione per poter essere poi indossata. Rimane il fatto che è un materiale di origine naturale nonostante i miglioramenti finalizzati alla "portabilità". Immaginate di indossare direttamente la lana così come viene tagliata. Sarebbe un prodotto naturale al 100%, ma magari non al 100% portabile.Nel mondo delle gemme esistono moltissimi trattamenti ed ognuno è stato creato con il suo scopo.